stalna izložba solarstva

Da quando con esattezza si produca sale a Pago semplicemente non lo sappiamo. La produzione di sale nelle terre croate è stata menzionata per la prima volta nel libro del prof. Candido dell'Università di Napoli, pubblicato nel 1912, dal titolo “Le saline dell'Adriatico”. Egli sottolineò che già nel III secolo a. C., gli Illiri (riferendosi ai Liburni) erano giunti dalle terre croate alla penisola appenninica e avevano insegnato agli abitanti locali come produrre il sale marino e fondato quella che oggi è la maggiore salina italiana, “Regina Margherita”.
Il primo riferimento scritto alla produzione effettiva di sale a Pago risale a un testamento dell'anno 999. In seguito, in testamenti e altri documenti, possiamo spesso rintracciare riferimenti alle saline di Pago. Era il tempo in cui il sale veniva apprezzato come oro bianco.
Dall'inizio dell'era veneziana, nel 1409, sull'isola erano presenti diverse saline. Oltre a quello odierna, che è l'unica ad essere sopravvissuta in tutta la Dalmazia veneziana, esistevano saline anche a Dinjiška, Povljana, Vlašići e Stara Novalja. C'erano decine di saline in tutta la costa orientale dell'Adriatico, ma Venezia, per monitorare meglio la produzione e la distribuzione del sale, le chiuse tutte, tranne quella di Pago. Venezia tratteneva il 70 % del sale complessivamente prodotto, mentre il restante 30% veniva distribuito in quote del 50% tra i proprietari e gli operai della salina. La Repubblica di Venezia, che governò la costa croata dal 1409 fino alla sua caduta nel 1797, non è mai stata proprietaria della salina. I proprietari furono in genere nobili di Zara o di Pago, il convento benedettino e la chiesa.
Dopo la caduta della Repubblica di Venezia, il controllo dei suoi antichi possedimenti in Croazia passò nelle mani dell'Austria, che registrò meticolosamente le saline e redasse mappe catastali. Dopo nemmeno 8 anni di dominio, questa zona divenne parte delle province illiriche di Napoleone. Emerse all'epoca l'idea di un monopolio di Stato: acquistare tutte le saline dai proprietari privati per formare una grande azienda di produzione di sale. Dal momento che il dominio francese fu piuttosto breve, poco più di 8 anni, questa idea non si concretizzò mai. Dopo la caduta di Napoleone, fu ristabilita l'autorità austriaca (secondo regno austriaco) che portò avanti l'idea di acquistare le saline private. Si creò un monopolio di Stato, che generò entrate molto più elevate; i lavoratori tuttavia non prosperarono, per cui si giunse anche ai primi scioperi.
Durante il periodo della Jugoslavia (prima e seconda), la salina resta proprietà dello Stato (monopolio), ma fin dalla nascita dell'odierna Repubblica di Croazia la salina è stata privatizzata e rientra tra le proprietà di Agrokor.
(Fonte pag-gradzdravlja.eu)


Informazioni
- Associazione degli affittuari di appartamenti e stanze della Città di Pago
- Vlahe Bukovca br. 2 23250 Pag, Zadarska, Hrvatska
- P: +385 (0)91-2546 101
- www.pag-gradzdravlja.eu
- Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

stareslikePAGMEDIA028
stareslikePAGMEDIA030
Solana-Perla006
Solana-eljko133
IMGP4668
Solana-eljko005
IMGP4617
IMGP4651
Solana-Perla005
IMGP4646